Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Menu
Richiesta Prenota

Il Giardino Botanico Castel Trauttmansdorff

 
 
 
 
 
Entusiasti del verde hanno ideato il progetto del giardino botanico nel 1990, nel 1991 venne dato il via libera dalla Provincia Autonoma di Bolzano e nel 1994 iniziarono i lavori.
I Giardini, velocemente e comodamente raggiungibili dal centro (bus di linea 1b e 4, ampio parcheggio per autobus e macchine), si trovano ad est della città. L'ottimale posizione del giardino, sito su di un pendio rivolto a sud-est, facilita la crescita della flora del luogo ed in particolare di quella esotica, a ulteriore testimonianza del clima mite di Merano.

Alcuni dati:
I Giardini si estendono su un' area di 12 ettari (ca. 8,5 ettari di solo giardino) con un sentiero di 7 km e un dislivello di ca. 100 metri. Il paradiso botanico con piante di tutto il mondo ospita inoltre 80 settori con più di 5.400 specie e varietà e circa 450.000 piante.

Ente gestore: Centro di Sperimentazione agraria e forestale di Laimburg.
Orari di apertura: dal marzo al novembre: tutti i giorni

Il giardino botanico è suddiviso in quattro settori:
nei "Boschi del mondo" si alternano conifere e latifoglie di origine americana e asiatica.
La varietà dei "Giardini del sole" evoca l'inconfondibile immagine del sud. Vi crescono le piante più antiche dell'area mediterranea come limoni, ulivi (l'oliveto più settentrionale d'Europa), fichi, cipressi, viti e lavanda. La particolarità dei giardini del sole è rappresentata dalla collina dei cactus dei deserti d'America.
Nel terzo settore, in cui l'acqua è la forza vitale del giardino, si possono ammirare i "Giardini acquatici e terrazzati" , collegati da sentieri gradinati. Il suo fulcro è rappresentato dal Laghetto delle ninfee con fiori di loto e una serie di "ospiti" come ad es. le rane. Nelle immediate vicinanze si trova la serra con numerose specie di orchidee. Le terrazze adiacenti mostrano diverse tipologie di giardini: il Giardino all'italiana con il suo labirinto, il Giardino all'inglese con piante perenni, il Giardino dei sensi con erbe e piante profumate.
Nel quarto settore dedicato ai Paesaggi dell'Alto Adige è possibile ammirare l'immensa diversità dei paesaggi locali. Castagneti, Vigneti, campi di cereali e frutteti sono qui presenti insieme a numerose specie boschive come faggio, ontano nero e verde, così come anche un mosaico geologico calpestabile.

Inoltre:

  • 11 padiglioni artistici che cercano di rispondere a domande quali "Perché le ninfee rimangono a galla?" Tali strutture vogliono testimoniare il legame tra i due poli: natura e arte;
  • 3 serre (limonaia, casa delle orchidee, semideserto a succulente);
  • varie attrazioni come la Passeggiata di Sissi, la Voliera, la spettacolare Piattaforma panoramica “Il binocolo” e la Grotta con spettacolo multimediale;
  • ristorante con grande terrazza.