Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Menu
Richiesta Prenota
 
 

Castel Trauttmansdorff

Nel luogo ove oggi sorge Castel Trauttmansdorff esisteva attorno al 1300 un piccolo castello chiamato Neuberg. Le spesse mura di questo bastione medievale sono ancor oggi visibili sul lato meridionale. Nel Nikolaus von Trauttmandorff Agli che proviene da una famiglia nobiliare originaria della Stiria acquista Neuberg (Castel di Nova) presso Merano. Suo figlio Franz fa ristrutturare il maniero con ricchezza di mezzi. Questo ramo dei Trauttmansdorff si estingue due generazioni più tardi e Neuberg decade. Nel 1846 giunge dalla Stiria nella neonata "città di cura" di Merano il giovane conte Joseph von Trauttmansdorff, scoprendo il castello abbandonato un secolo e mezzo prima dai suoi avi. Acquista l'edificio ormai semidiroccato, lo amplia sino alle dimensioni attuali e lo integra con elementi neogotici. Castel Trauttmansdorff, come da allora viene chiamato, diviene il primo esempio di castello neogotico in Tirolo. Il conte muore ancora scapolo nel 1867 e il patrimonio passa in eredità al cavalier Moritz von Leon, probabilmente un figlio illegittimo del conte. Nell'ottobre 1870 l'imperatrice Elisabetta d'Austria sceglie Castel Trauttmansdorff per il suo soggiorno invernale.

Il soggiorno dell'imperatrice rappresenta il culmine della mutevole storia di Castel Trauttmansdorff. Moritz von Leon, erede conte Trauttmansdorff e padrone del castello durante le visite dell'imperatrice, non riesce a conservare l'ampia proprietà. 1891vende il castello a Friedrich von Deuster e ha inizio un nuovo periodo aureo che viene dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Al pari di numerosi altri cittadini germanici in Italia, anche Friedrich von Deuster subisce dopo la prima guerra mondiale l'esproprio dei suoi beni. Per il momento il castello é sfitto. Attorno al 1930 il castello viene utilizzato come ricovero temporaneo per famiglie immigrate, durante la seconda guerra mondiale diviene deposito della Wehrmacht. Gli arredi vanno quasi interamente perduti, subentra il degrado. Dopo lungo dibattito nel 1990 si individua

finalmente un nuovo utilizzo della struttura. Sui terreni antistanti il castello viene allestito un grandioso "Giardino botanico", inaugurato nell'estate 2001. Gli edifici del castello vengono invece restaurati e divengono la sede del nuovo Touriseum.
 
Ritorna alla lista